L’aglio: l’alleato contro i malanni invernali.

Adesso lo possiamo dire, l’inverno è arrivato!!!! Freddo, vento, neve, ghiaccio e….malanni di stagione appunto!
Un rimedio naturale e un alleato ideale è l’aglio.
Questa pianta usata da millenni la conosciamo forse più l’uso culinario ma l’aglio è un potente antivirale, durante l’inverno può rivelarsi un rimedio naturale molto efficace contro raffreddore, herpes labiale, mal di gola, influenza e non solo.
In periodi di cambio di stagione, specialmente sul periodo autunno invernale e adesso che il freddo si fa sentire lo possiamo usare come un vero e proprio antibiotico.
Consumarlo crudo:
L’aglio ha davvero numerose proprietà benefiche ma non bisogna esagerare con le quantità. Il suo sapore non a tutti gradevole ci spinge comunque automaticamente a moderarne il consumo. Proprio come se si trattasse di un vero e proprio medicinale, l’ideale sarebbe  consumare aglio crudo in piccole quantità e al momento del bisogno. Tra gli effetti indesiderati di un consumo eccessivo di aglio crudo ricordo irritazioni alle pareti intestinali e anemia.
Questa pianta è’ una vera miniera di proprietà tra le quali troviamo:
* calcio
* potassio
* magnesio
* folati
* vitamina c
* vitamine B1 e B2
DEPURATIVO
L’aglio ha un potere detossinante contro i metalli pesanti che si depositano nel fegato e nei reni, favorendo la loro eliminazione.
ANTIBIOTICO
È un potente battericida, motivo per cui è un ottimo aiuto in caso di infezioni delle vie aeree, ad esempio in caso di catarro. Inoltre, rafforza il sistema immunitario e agisce anche da antimicotico.
ANTISETTICO
Il potere dell’aglio è molto utile anche contro le infezioni e i disturbi dell’intestino, agendo contro crampi e dissenteria.
ANTIOSSIDANTE
L’aglio ha proprietà benefiche per il cuore e per tutto l’apparato cardiocircolatorio. Infatti, regola la pressione sanguigna, contrasta l’ipertensione, il diabete e il colesterolo alto.
(Non sono indicazioni mediche)
Consumarlo cotto:
Cucinare l’aglio è una cosa accettabile se dobbiamo utilizzarlo solamente per arricchire i nostri piatti. Questo perché la cottura distrugge il principio attivo più importante dell’alimento: l’allicina. L’allicina è un composto solforganico che non è presente nel bulbo integro dell’aglio, bensì si forma quando gli spicchi che lo costituiscono vengono tagliati, masticati o triturati.
Il calore riduce la sua azione, riducendo di conseguenza il suo potere di guarigione. Esistono comunque dei suggerimenti per cucinare l’aglio, preservandone per quanto possibile i benefici. Una volta tagliato o schiacciato, dovete far riposare l’aglio per 10 minuti prima della cottura, in modo tale da massimizzare il processo di sintesi dell’allicina, che diventa anche più stabile e resistente al calore.
Impariamo a coltivarlo:
L’aglio è’ una pianta abbastanza semplice da coltivare lo si può fare in vaso in terrazza     In giardino o anche in un piccola porzione dell’oro senza togliere spazio alle coltivazioni primaverili e estive.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...